GERMANLIDS.COM elmetti tedeschi della seconda guerra mondiale


Vai ai contenuti

Presentazione

Le Decal > SS

Premessa fondamentale a questa piccola rassegna è la sua non esaustività. In realtà non basterebbe un intero sito internet dedicato agli elmetti di questo corpo per trattarne tutte le caratteristiche più salienti.

Ulteriore premessa è che
non vi è alcuna intenzione di celebrare un corpo che tante atrocità ha commesso nel corso della Seconda Guerra Mondiale e che l'unico fine perseguito in questa sezione è quello di dare alcune indicazioni al collezionista che vuole intraprendere la perigliosa strada di acquistare un elmetto SS, il cui prezzo, se in buone condizioni generali, si aggira in un range compreso tra i 3000 e 4500 euro, ed allo scopo di contrastare la preoccupante immisione di falsi nell'odierno mercato collezionistico.

LE DECAL DI PRIMO E SECONDO TIPO
Comunemente i collezionisti distinguono le decal tra quelle di "primo tipo" (Early pattern) e quelle di secondo tipo (Late pattern). Tale differenziazione è nata nell'iniziale tentativo di catalogare le tipologie di decal con la deduzione che molti elmetti transizionali, alcuni M35 e gli elmetti della SS-VT avessero decal di primo tipo. Tale attribuzione si deve ritenere tecnicamente errata in quanto non vi è una successione temporale tra i due tipi di decal, ma sono contemporanee.
Invero, anche per le decal SS è applicabile la teoria del "matching", cioè della connessione tra il produttore del guscio e la tipologia di decal applicata. L'unica eccezione a tale regola è quella relativa alle decal prodotte dalla C.A. Pocher che invero conferma detta teoria, dato che le Pocher sono presenti sugli elmetti ricondizionati o rifiniti nelle foresterie dei singoli reparti.

FATTURA E MODALITA' DI APPLICAZIONE

Quanto sostenuto in merito alle decal in generale è pienamente applicabile alle decal SS. Una caratteristica peculiare delle decal SS è la quantità e la mistura delle polveri metalliche utilizzate per la produzione dello sfondo degli scudetti, che potevano essere con percentuali di alluminio, bronzo od entrambi. Tali misture donavano alla decal delle diverse tonalità che andavano dallo "champagne" (NS ed SE) al bronzo (decal ET nel periodo pre-bellico) od ancora un colore metallico molto vivace a causa della presenza delle sole polveri di alluminio (ET nel periodo bellico post 1940).


Torna ai contenuti | Torna al menu