GERMANLIDS.COM elmetti tedeschi della seconda guerra mondiale


Vai ai contenuti

Luftwaffe

Tropenhelm

L'elemento più importante raro e prezioso dei caschi tropicali della Luftwaffe è certamente l'insegna dell'aquila. Circa il 70/80% dei caschi attualmente in circolazione hanno montate insegne false.
Questo perché molte sono le copie dal valore di pochi euro in circolazione, provenienti dal mercato dell'est. In questa piccola rassegna verrano mostrate le diverse tipologie di adler originali e le copie che riproducono le caratteristiche delle originali, con diverse commistioni tra i diversi tipi.

L'aquila originale della Luftwaffe è stata prodotta in quattro tipologie.

1) In Tombak placcato in argento, con tre lamelle a punta rettangolare (prima produzione) o asimmetrica. Foto 1-2

2) in Tombak placcato in argento, con due lamelle a punta asimmetrica e svastica senza foro; Foto 3-4

3) Metallo placcato in argento, con tre lamelle a punta asimmetrica; Foto 5-6

4) In alluminio con tre attacchi a spillo (anch'esse in alluminio); Foto 7-8

5) In zinco con tre attacchi a spillo; Foto 9-10

ORIGINALI

Sotto: Aquila in Tombak (bronzo) placcata in argento

Sotto: Aquila in Tombak placcato, con due attacchi e svastica chiusa

Sotto: Aquila in metallo placcato, con tre attacchi a lamelle con punte asimmetriche

Sotto: Aquila in zinco con tre attacchi a spillo

Sotto: Aquila in alluminio con tre attacchi a spillo (molto rara)

FALSI

Nelle foto successive una serie di falsi, realizzati con la tecnica della fusione e colata in stampi, mentre gli originali erano realizzati con stampaggio a pressione su fogli dei diversi materiali utilizzati. La differenza tra lo stampaggio (stamp in inglese) e la fusione e colata in stampi (die cast) si rileva nel risultato finale. Le aquile originali hanno una rifinitura liscia e dettagli del piumaggio maggiormente dettagliati ed il retro dell'insegna è ricco anch'esso di dettagli. Nelle copie realizzate con la fusione il metallo è poroso (conseguenza del raffredamento del metallo) ed i dettagli, specialmente nel retro sono minimi.

La copia della foto inferiore, miscela le caratteristiche dell'insegna in metallo con tre lamelle asimettriche e quella in zinco. Realizzata con una lega di metallo abbastanza morbida, ha dei dettagli delle ali non conformi. Notare il bordo delle ali troppo spesso. Gli attacchi, a spillo senza punta, sono completamente inventati.

Sotto un'altra tipologia di falso, molto diffusa in Euopa. Presenta la svastica senza foro, ma pecca in definizione dei dettagli e materiale utilizzato. Inoltre gli attacchi non sono conformi, in quanto l'unico esemplare originale con svastica senza foro, è in tombak placcato e ha due attacchi a lamelle con punte asimmetriche. Notare, nell'ultima foto, uno scatolone pieno di queste tipologie di insegna.


Torna ai contenuti | Torna al menu